La sperimentazione del test TECO all’Università di Bologna

di UniBeC

L’Università di Bologna è uno dei dodici atenei italiani  scelti dall’ANVUR per iniziare la sperimentazione del test CLA (in Italia TECO, TEst sulle COmpetenze), finalizzato a misurare il “pensiero critico” dei laureandi  (clicca qui per ulteriori informazioni sul test).  Il 22 aprile scorso vi si è tenuto un incontro informativo sulle modalità organizzative della sperimentazione.

Internamente il progetto CLA viene seguito da un Gruppo di Lavoro di componenti del Senato Accademico. Il periodo di somministrazione del test è dal 20 maggio al 20 giugno. Sono interessati dalla sperimentazione solo gli studenti delle triennali iscritti per l’a.a. 2012-13 al terzo anno o al primo fuori corso che abbiano conseguito tutti i crediti relativi ad insegnamenti di base e caratterizzanti previsti dal regolamento didattico del proprio Corso di Studio entro il primo aprile 2013 (esclusi quelli delle professioni sanitarie), più gli studenti delle lauree quadriennali a ciclo unico iscritti al quarto anno nell’a.a. 2012-13 che abbiano conseguiti almeno 120 CFU su insegnamenti di base e caratterizzanti sempre entro il primo aprile 2013. In tutto, per l’ateneo di Bologna, si tratterebbe di circa 2.100 laureandi. Negli ultimi quattro a.a. UniBo ha avuto contingenti di laureati triennali e a ciclo unico compresi tra 10.000 e 11.000 unità.

Bologna ha chiesto all’ANVUR una deroga sul criterio di ammissione al test, suggerendo di includere anche tutti i laureandi delle lauree triennali che entro il primo aprile 2013 avessero già conseguito tutti i CFU di base e caratterizzanti possibili rispetto al calendario didattico (infatti se un insegnamento di base o caratterizzante è collocato al secondo semestre del terzo anno non si può averlo già superato entro marzo). In questo modo la platea dei laureandi da sottoporre al test salirebbe a circa 2.600.

Tutta la comunicazione con i laureandi interessati è gestita centralmente dall’Ateneo, le strutture come Dipartimenti e Scuole non vengono coinvolte: verrà loro comunicato solamente quanti sono gli studenti da sottoporre a test per ogni Corso di Studio. E’ previsto l’invio di 4 e-mail successive, ancora non sono partiti ma la prima lettera è pronta. Per fare il test serve un’aula informatica, lo studente avrà 90 minuti di tempo per svolgere il test (un terzo di domande chiuse e due terzi di domande aperte), si identifica con le credenziali di Ateneo su apposita piattaforma predisposta dal Cineca, poi viene trasferito sulla piattaforma della società americana (e a quel punto la sessione dovrebbe essere diventata anonima).

L’unico incentivo previsto per lo studente è quello di poter inserire nel suo CV di essersi sottoposto al test, per il quale può fare richiesta di certificazione. All’Ateneo, per problemi legati alla normativa sulla privacy, non vengono restituiti gli esiti nominativamente, ma in forma anonima, per poi fare valutazioni aggregate per ogni Corso di Studio. UniBo ha già individuato un leader scorer che sarà il referente rispetto ad ANVUR della valutazione delle prove (deve essere per forza un ordinario). Le prove sono valutate con il sistema del “doppio cieco”. Il leader scorer parteciperà a due giornate di formazione a Roma il 24 e 25 giugno. Inoltre, vanno individuati altri 11 valutatori locali (in pratica uno per ciascuna delle 11 Scuole attivate). Gli 11 possono essere anche associati o ricercatori e saranno formati dal leader scorer a fine giugno, poi dovranno impegnarsi a correggere fino a 200 test (per un impegno previsto di 2/3 giornate di lavoro a tempo pieno). Al momento si parla (ma non è ancora stato deliberato) di un incentivo agli 11 valutatori locali di 500 euro sotto forma di fondi ricerca una tantum.

Sono graditissime informazioni su come la sperimentazione si svolgerà negli altri undici atenei (Roma Sapienza e Tor Vergata, Milano Statale, Padova, Firenze, Napoli Federico II, Cagliari, Messina, Piemonte Orientale, Udine e Lecce): l’indirizzo email cui inviarle è unibec2012@gmail.com

Annunci

3 pensieri su “La sperimentazione del test TECO all’Università di Bologna

  1. Pingback: La sperimentazione del test CLA all’Università di Bologna | Coordinamento UniTo

  2. mattia

    Grazie all’autore del post, hai detto delle cose davvero giuste. Spero di vedere presto altri post del genere, intanto mi salvo il blog trai preferiti.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...